• Un territorio ricco di fascino

    Alla scoperta dell'Alto Molise

    Immersi tra le pittoresche colline e i suggestivi borghi medievali di Castel del Giudice, avrete l'opportunità di scoprire un territorio ricco di storia, cultura e tradizione.

    Dopo una giornata all'aria aperta, potrete ritirarvi nel comfort accogliente delle nostre case, immergervi nelle antiche tradizioni culinarie dell'Alto Molise gustando prelibatezze locali presso i nostri ristoranti e rilassarvi completamente nel nostro centro benessere, rigenerando mente, corpo e spirito.

    Qui, le vostre vacanze diventano un'avventura autentica, sia in estate che in inverno.
Il borgo delle campane e degli antichi mestieri
Agnone
Agnone
L'affascinante cittadina di Agnone, considerata la "Capitale dell'Alto Molise", è uno scrigno prezioso di cultura, tradizione e gastronomia. Di particolare fascino è il suo centro storico: un intreccio di vie e vicoletti adornati da leoni rampanti, portali con imponenti chiavi di volta e botteghe di orafi che appresero l'arte della filigrana da noti maestri veneziani nell'XI secolo. Agnone è città di artigiani e antichi mestieri: nota è la lavorazione del rame e del ferro, che contraddistinguono l'artigianato locale. Ancora oggi resistono botteghe che custodiscono la tradizione di una tipologia di lavorazione altrove dimenticata. Tra queste la Pontificia Fonderia di campane Marinelli e la Ramera di Agnone, sono gelosi custodi di un'arte che si tramanda da generazioni, che oggi può essere riscoperta da turisti e visitatori, attraverso interessanti percorsi guidati. Chiunque visiti Agnone rimane affascinato anche dalle molteplici golosità: salumi, formaggi, carni e soprattutto dolci rendono il borgo unico anche per la sua offerta gastronomica. Città di palazzi signorili e campanili, artigianato e gastronomia, è considerato da molti un "Museo Diffuso" che può essere scoperto in tutto il suo fascino solo se ci si perde nella sua raffinata bellezza.
La regina delle nevi
Capracotta
Capracotta
Capracotta, con i suoi 1421 m s.l.m., è il secondo borgo più alto dell'Appennino. Soprannominata "La Regina delle Nevi" per le bufere di neve che ogni inverno la rivestono di un candido vestito, è meta ideale estiva e invernale per chiunque voglia respirare aria pulita, immergendosi nella natura e soprattutto per chi è in cerca di fresco in ogni momento dell'anno. Capracotta gode di un panorama a 360®. Dal terrazzo antistante la Chiesa Madre è possibile scorgere il massiccio della Majella e, nelle giornate più limpide, anche il mare Adriatico. Immergendosi nei vicoli del paese si respira storia e tradizione, ma è in quota che Capracotta dà il meglio di sé. A 3 km dal centro, merita una visita il Giardino della Flora Appenninica, con il suo "Percorso dei Sensi" che conduce il visitatore alla scoperta della flora dell'Appennino centro-meridionale. Spingendosi ancora più in quota, a 1560 m s.l.m., la nota località turistica di Prato Gentile, è meta ambita per gli amanti della montagna estiva, grazie ai suoi 12 km di percorsi ad anello, che durante la stagione fredda diventano piste per lo sci di fondo di varia difficoltà, per soddisfare anche gli amanti della montagna invernale. Per i più piccoli, il Parco Avventura Prato Gentile garantisce tanto divertimento e svago, circondati da prati e boschi.
Castel San Vincenzo
Castel San Vincenzo
Il paese della pietra e degli abeti
Pescopennataro
Pescopennataro
Pescopennataro, paese della pietra, in quanto terra natale di maestri scalpellini, e borgo degli abeti, data la presenza di numerosi boschi di abete bianco, vanta un paesaggio di incredibile bellezza, ricco di sentieri e di aree attrezzate per picnic e camping. Nel suo territorio infatti sono presenti due Aree S.I.C.: Il Bosco della "Vallazzuna" e il Bosco degli "Abeti Soprani". Pescopennataro deve il suo nome alla roccia, che protegge il borgo antico. Tra i monumenti più importanti, l'Eremo di San Luca, posizionato in una grotta calcarea ad oltre 1.500 metri s.l.m., gode di un panorama unico di tutto il territorio di Pescopennataro e di tutta la vallata del Sangro. Passeggiando per il borgo è possibile visitare le due chiese parrocchiali, la Fontana di Piazza del Popolo, il Museo Civico della Pietra, con un'area dedicata all'opera dei numerosi scalpellini di Pescopennataro e un'altra area dedicata alla Preistoria e alla storia dell'arte della pietra. Merita una visita infine anche II Parco di Pinocchio: sentiero che attraversa una pineta, impreziosito da sculture in legno e pietra. Il borgo autentico di Pescopennataro vede numerosi ed importanti eventi tradizionali durante l'anno: dal tradizionale presepe vivente alle serate enogastronomiche, ma anche escursioni guidate, giochi popolari, sagre e concorsi di scultura della pietra, il tutto in un contesto unico e quasi del tutto incontaminato.
La Patria del Tartufo Bianco
San Pietro Avellana
San Pietro Avellana
Il piccolo borgo di San Pietro Avellana conserva una ricchezza invidiata da molte località molisane e nazionali. Grazie all'abbondanza di sorgenti e corsi d'acqua, alle particolarità del terreno e ovviamente grazie alla natura incontaminata che la circonda, il suo territorio è ricco di tesori conservati gelosamente nel rigoglioso sottobosco, primo fra tutti il prelibato e ricercato tartufo, nero e bianco. Proprio per questo San Pietro Avellana rientra tra le Città Nazionali del Tartufo, un grande orgoglio per questo piccolo borgo. Al suo interno, meritano una visita il Museo della Civiltà Contadina, totalmente rinnovato e la piccola ma graziosa chiesa dedicata ai santi Pietro e Paolo, che conserva il corpo di S. Amico che qui trovò dimora nell' XI secolo. Per gli amanti della natura e del silenzio, a 3 km di distanza dal centro abitato, un'ex residenza di caccia borbonica è divenuta oggi un'area protetta. L'affascinante Riserva naturale di Montedimezzo, rientra a far parte della rete di riserve MAB istituite dall'Unesco. La riserva è un angolo di paradiso, dove domina il silenzio, accompagnato dal fruscio degli alberi e dalla presenza di animali, che qui trovano pace e benessere. Il bosco è luogo ideale per salutari passeggiate e offre ai visitatori aree attrezzate per piacevoli soste, con possibilità di visitare il centro visita-Museo, situato nello storico casino demaniale. San Pietro Avellana è il luogo ideale per chi cerca silenzio e recupero fisico ma soprattutto mentale.
Sepino
Sepino